LAMBORGHINI ED EMERGENCY INSIEME IN UN PROGRAMMA DI COOPERAZIONE

93
Condividi

La casa di Sant’Agata Bolognese e la Onlus hanno stretto un accordo per sviluppare un programma di cooperazione sociale. Dal 2018 i dipendenti di Lamborghini saranno coinvolti in progetti della Ong.

Nell’era in cui le aziende spingono sempre più sul pedale della formazione del personale secondo le logiche 4.0, Automobili Lamborghini sceglie di sviluppare un programma di cooperazione sociale con Emergency. A partire dal 2018, i dipendenti della casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese verranno coinvolti in progetti sociali gestititi direttamente dalla Ong Emergency Onlus.

Una scelta che potrebbe essere giudicata (da alcuni) contro corrente rispetto all’andamento attuale del mercato industriale, ma va detto che Automobili Lamborghini, negli anni, ha avuto un occhio di riguardo nei confronti dell’ambiente circostante e della società in senso lato, oltre che della comunità nella quale il colosso è inserito. E così la direzione aziendale, insieme con i rappresentanti dell’associazione umanitaria, i delegati di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e le rappresentanze sindacali, hanno firmato un protocollo di intesa per la realizzazione di esperienze di lavoro volontario che coinvolgeranno i dipendenti presso strutture o all’interno di progetti gestiti dalla onlus.

Umberto Tossini, chief human capital officer di Automobili Lamborghini, ha dichiarato: «Siamo entusiasti di poter sviluppare con Emergency un programma di cooperazione che è coerente con i nostri obiettivi di responsabilità sociale. Il sostegno alle comunità vedrà i nostri dipendenti protagonisti di una esperienza di crescita umana, importante per lo sviluppo delle competenze emotive e sociali, elemento imprescindibile nelle dinamiche d’impresa». Gli fa eco Rossella Miccio, presidente di Emergency, che esprime soddisfazione per «questo accordo con Lamborghini, Fiom e Fim, che dà inizio a un progetto a favore delle fasce più vulnerabili della popolazione. Questa collaborazione porterà un contributo operativo al nostro Programma Italia e consentirà di condividere con i lavoratori e l’azienda i valori di solidarietà e rispetto dei diritti che sono alla base del lavoro di Emergency». Sulla stessa lunghezza d’onda i rappresentanti dei lavoratori, secondo cui «Automobili Lamborghini si conferma un’eccellenza non solo dal punto di vista contrattuale, ma anche per la qualità delle esperienze che le avanzate relazioni industriali producono. È un modello a cui si deve guardare e conoscere». Al momento non sono stati forniti ulteriori dettagli in merito ai progetti sociali nei quali i dipendenti saranno inseriti, si attende quindi con impazienza il 2018, quando cioè i percorsi diventeranno operativi.