Inserisci il termine di ricerca e clicca invio.

A Udine la Summer School su intelligenza artificiale, machine learning e big data

Organizzata dall’Università di Udine in collaborazione con Ditedi e Area Science Park. In arrivo esperti internazionali in materia.

La trasformazione digitale è obbligatoria, tuttavia in molti casi le aziende non hanno il personale qualificato per attuarla. E sono soprattutto le piccole e medie imprese a non avere ancora avviato il necessario processo di trasformazione digitale che il mercato richiede.

Anche per questo, nasce a Udine la Summer School su intelligenza artificiale, machine learning e big data, organizzata dall’Università di Udine in collaborazione col Distretto delle Tecnologie Digitali e Area Science Park. Per l’occasione, sono in arrivo alcuni tra i massimi esperti internazionali in materia. Si tratta di un appuntamento che fino al 6 luglio 2018 darà modo a giovani ricercatori e imprenditori di approfondire una tematica sempre più attuale in una società rivolta al modello di smart city e di industry 4.0.

In particolare, la scuola è inserita nel programma dell’edizione 2018 di Conoscenza in Festa che quest’anno è dedicata proprio ai temi del digitale ed in particolare allo sviluppo di un Piano nazionale università digitale. I partecipanti al mattino avranno la possibilità di seguire lezioni di approfondimento teorico, mentre nel pomeriggio laboratori sperimentali su casi d’uso e tecnologie. L’obiettivo è quello di mettere in contatto e far conoscere ricercatori e dottorandi provenienti da tutto il mondo con alcuni dei maggiori esperti sul tema, dando modo anche a imprenditori e personale tecnico delle aziende locali di avvicinarsi alle soluzioni tecnologiche più innovative.

L’evento potrà contare su importanti partner nell’ambito dell’intelligenza artificiale, come Microsoft e NVIDIA. Tra le personalità che interverranno, Markus Vincze di The Automation and Control Institute di Vienna, Jeremy Wyatt, dell’Università di Birmingham, Barbara Caputo, dell’Università La Sapienza di Roma, Tatiana Tomasi, dell’Istituto italiano di Tecnologia di Genova, Nello Cristianini, dell’Università di Bristol, Matej Kristan, dell’Università di Lubiana, e Bruno Lepri, della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Anche grazie al contributo di queste personalità, la scuola estiva darà modo ai partecipanti di approfondire una vasta gamma di informazioni relative alla ricerca applicata e alle applicazioni di intelligenza artificiale, toccando tematiche quali i big data, la visione artificiale, l’interazione uomo-macchina e la guida autonoma.