Inserisci il termine di ricerca e clicca invio.

31ª BI-MU: oltre 1000 aziende in Fiera, in primo piano robot e Industria 4.0

È all’insegna di un trend positivo, in costante crescita per il settore macchine utensili, robot e automazione (previsto un +9,3% di produzione che salirà a oltre 6,6 miliardi di euro) la 31esima edizione di BI-MU, la più importante vetrina italiana del settore, dal 9 al 13 ottobre a fieramilano Rho. La redazione di 4Industry.tv sarà presente per illustrarvi le novità nel campo delle macchine utensili e raccogliere le valutazioni dei più autorevoli analisti.

In crescita produzione, import ed export

Secondo le previsioni del Centro Studi  & Cultura di Impresa di Ucimu, l’export salirà, del 4,6%, a 3,5 miliardi. Il consumo in Italia salirà, del 13,6%, a oltre 5 miliardi di euro, raggiungendo così un valore quasi doppio a quello di quattro anni fa. Attese in crescita, del 15,2%, a 3,1 miliardi, sia le consegne dei costruttori italiani, sia le importazioni che saliranno dell’11,1%, a quasi 2 miliardi.

Nel secondo trimestre del 2018, l’indice delle consegne di macchine da parte dei costruttori italiani ha registrato un incremento del 16,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tale risultato è stato determinato dalla forte crescita registrata sul mercato interno dove le vendite sono cresciute del 45,5%. Bene anche le consegne oltre confine, salite del 9%. Nel semestre le consegne sono cresciute del 14% rispetto al periodo gennaio-giugno 2017; +45,6% le consegne interne; +6,8% le consegne estere. In particolare, sempre in riferimento al primo semestre, boom di esportazioni verso l’India (+93,8%), la Turchia (+42,8%) e la Polonia (+42,3%). Sono cresciute le vendite anche in Germania (+12,3%), Cina (+8,1%), Spagna (+18,8%), Regno Unito (+22,8%) e Austria (+47,9%), mentre rallenta l’export italiano negli Stati Uniti (-8,5%) e in Francia (-1,7%).

Conferma la positività del momento il dato relativo all’utilizzo della capacità produttiva che, nel secondo trimestre del 2018, si è attestato all’83,8%, quasi due punti in più rispetto al trimestre precedente. Solo nel quarto trimestre del 2017 l’indice era risultato più alto. Anche il carnet ordini dà indicazioni decisamente positive: nel secondo trimestre i mesi di produzione assicurata sono 7, valore record pari a quello del quarto trimestre del 2017.

I numeri e le novità di BI-MU 2018

La superficie occupata dalla manifestazione è superiore a 100.000 metri quadrati, il 10% in più rispetto all’edizione precedente del 2016. Le aziende presenti in fiera sono 1.056, il 40% delle quali estere, in rappresentanza di 27 paesi. Il 34% delle aziende espositrici partecipa per la prima volta a BI-MU. I macchinari esposti sono circa 4.000 per un valore di 500 milioni di euro.

In mostra, tra le tante tecnologie, macchine utensili a asportazione e deformazione, robot, automazione, digital manufacturing, tecnologie ausiliarie, tecnologie abilitanti, additive manufacturing, sistemi di potenza fluida, meccatronica, trattamenti di finitura, utensili, componenti, attrezzature e accessori, metrologia e saldatura, IoT, Big data, analytics, cyber security, cloud computing, realtà aumentata, system integrator, sistemi di visione, software.

Oltre alle tradizionali aree POTENZA FLUIDA (in mostra il meglio dei sistemi e componenti per la trasmissione di potenza dinamica e fluidodinamica), FOCUS MECCATRONICA dedicato alle soluzioni intelligenti e di ottimizzazione di macchine e processi industriali, FINITURA DELLE SUPERFICI (lavaggio, verniciatura, galvanica, processi chimici e elettrochimici, metallizzazione, trattamenti nanotecnologici), ci saranno nuove Aree di Innovazione dedicate a IoT (FABBRICAFUTURA), robot (ROBOT PLANET), consulenza (BOX CONSULTING) e start up (BI-MU STARTUPPER, area dedicata alle nuove imprese e ai giovani innovatori impegnati nello sviluppo di prodotti e progetti legati al mondo dei sistemi di produzione e della lavorazione del metallo).

Per la prima volta BI-MU abbina alla dimensione espositiva quella di approfondimento culturale con un ricco programma di eventi collaterali: 60 incontri tematici a cura di organizzatori ed espositori compongono il cartellone di BI-MUpiù.

Infine, considerando che tra tutti i settori di sbocco dell’industria costruttrice di macchine utensili robot e automazione l’automotive è quello che più di ogni altro acquisisce sistemi e tecnologie,  31.BI-MU/SFORTEC INDUSTRY ospita l’evento speciale FCA-Alfa Romeo, che sarà presente con uno stand nel padiglione 13 e con l’area test drive in Largo Nazioni Ovest per tutti gli appassionati di motori interessati a provare le vetture di punta del gruppo FCA.

Il convegno inaugurale

Ad aprire la Fiera è stato martedì 9 ottobre, con inizio alle ore 10.30, presso l’arena BI-MUpiù, padiglione 13 A66/B79, un convegno inaugurale con Massimo Carboniero presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, Fabrizio Curci amministratore delegato Fiera Milano, Roland Feichtl presidente CECIMO e Attilio Fontana,presidente della Regione Lombardia.

La cerimonia ha ospitato la tavola rotonda “Nuove tecnologie, nuove professionalità per nuove organizzazioni e nuovo lavoro” con gli interventi di  Massimo Carboniero presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE,  Marco Bentivogli segretario generale FIM CISL e Alberto Dal Poz presidente FEDERMECCANICA.