Inserisci il termine di ricerca e clicca invio.

Un test per scoprire la maturità digitale delle aziende

Attraverso un questionario accessibile online, ogni impresa potrà ottenere una fotografia del suo grado di maturità 4.0.

Un test online per scoprire il livello di maturità digitale della propria impresa. È online il questionario di autovalutazione, messo a punto dalle Camere di commercio e accessibile dal portale www.puntoimpresadigitale.camcom.it, attraverso cui ciascuna impresa potrà ottenere non solo una fotografia del suo grado di maturità 4.0, ma anche utili indicazioni delle aree prioritarie sui cui intervenire per elevarlo.

L’iniziativa rientra tra i servizi offerti dalla rete degli oltre 70 Punti impresa digitale (Pid) che il sistema camerale sta realizzando per supportare i processi di digitalizzazione del tessuto imprenditoriale nell’ambito del piano nazionale Impresa 4.0. Per procedere al test è sufficiente compilare online un questionario articolato su otto aree tematiche e ricevere il report completo comprensivo delle indicazioni sintetiche per migliorare il proprio livello di maturità digitale. A seguito di questa prima fotografia, l’azienda potrà decidere di contattare direttamente gli uffici Pid della propria Camera di commercio per prenotare un assessment guidato con un digital promoter, una figura professionale qualificata che il sistema camerale ha formato appositamente.

«I Pid sono il primo livello di contatto delle aziende nell’ambito del network nazionale Impresa 4.0 – ha sottolineato il segretario generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli -. Gli strumenti di assessment che mettiamo a loro disposizione permettono di capire quali sono i punti di forza e debolezza del loro stato digitale. Dopo questo step, l’impresa potrà decidere su cosa investire per migliorare la propria competitività puntando sulle nuove tecnologie».

Intanto, sono oltre 80 i digital promoter formati e selezionati da una trentina di Camere di commercio per “evangelizzare” le imprese sulle nuove tecnologie 4.0. Queste nuove figure professionali, che a regime saranno oltre 200, si recheranno direttamente presso le imprese a eseguire l’assessment e definire il loro stato di maturità digitale, con l’obiettivo di migliorarlo mediante l’individuazione delle tecnologie più idonee alla singola realtà produttiva e l’indirizzamento verso i servizi tecnologici offerti dalle Camere di commercio e dagli altri partner del Network Industria 4.0.